Excite

Pace fatta tra Fia e Fota: l’accordo c’è

Alla fine c’è stato l’accordo in F1 tra Fia e Fota, quindi nessun Mondiale alternativo e Max Mosley praticamente sconfitto su tutta la linea anche se col sorriso stampato in faccia. Si perché anche lui probabilmente iniziava ad aver paura di ciò che stava facendo, e forse era lui stesso giunto alla conclusione che un Mondiale senza certa gente a correrlo non valeva la pena di essere visto.

E così dopo mesi di ringhiate a distanza e incontri flop Montezemolo l’ha spuntata, il Mondiale alternativo non ci sarà perché i team “ribelli” rimarranno con la Fia, ma il budget cup rimane invariato, anche se si tenterà una sostanziale riduzione dei costi da qui al 2012, e soprattuttoMosley ha rinunciato a ricandidarsi alle prossime elezioni per la presidenza della Fia, insomma vittoria completa.

In tutto questo poi vince anche Bernie Ecclestone, che in questi giochi di potere non ci è quasi mai entrato, se non che come mediatore, infatti l’accordo tra i team e la Fome (che gestisce tutti i diritti commerciali) rimarrà invariato fino al 2012, e che lui commenta con soddisfazione. “Sono felice che abbia prevalso il buon senso”.

"Abbiamo trovato un accordo sulla riduzione dei costi - ha detto un comunque sorridente Mosley - non ci sarà quindi alcuna separazione: nel 2010 ci sarà un solo Mondiale di F.1. L'obiettivo è tornare in due anni ai livelli di spesa dell'inizio degli Anni '90". A quanto pare non ci sono problemi neanche per i team che si erano iscritti con le regole imposte da Mosley, che però lui dà per certi, anche se ci si chiede come faranno a rientrare nelle spese: il Mondiale 2010 sarà quindi formato dalle le dieci squadre della Fota (comprese Williams e Force India) più le tre nuove, ovvero Campos Grand Prix, Manor Grand Prix e Team Us F1.

sport.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017