Excite

Pellizzotti innocente! Niente prove concrete che si sia dopato

Sono passati ben 6 mesi dalla sua sospensione per faccende legate al doping nelle quali era incappato la scorsa primavera, ma ad oggi non ci sarebbero prove sufficienti per sostenere la colpevolezza del corridore di Bibione.

La notizia arriva direttamente dopo ben 4 ore di discussione tra Pellizzotti ed il giudice del Tribunale Nazionale Antidoping del Coni, Francesco Plotino, il quale ha applicato l’articolo 3.1 del regolamento Wada, che sostiene appunto che le sue variazioni ematiche potrebbero non essere causate da sostanze dopanti ma da variazioni fisiologiche, in pratica, come evidenzia Plotino: ‘Non sussistono elementi sufficienti per provare la manipolazione’.

‘Sono molto soddisfatto e non potrebbe essere diversamente – ha commentato Pellizzotti al termine dell’udienza - , dopo questa assoluzione al tribunale nazionale antidoping. Certo, ho buttato una stagione e ora chiederemo i danni all'Unione Ciclistica Internazionale’.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019