Excite

Peter Sagan, il 'nuovo Eddy Merckx': intervista ad Excite dopo la vittoria alla 'Gand-Wevelgem'

  • Getty Images

di Giuseppe Latorraca - (twitter GiuseppeLatorra)

Due giorni fa ha vinto la "Gand-Wevelgem" una delle classiche del Nord Europa più prestigiose in assoluto, mentre 10 giorni fa è arrivato alla Milano-Sanremo, bruciato sul traguardo dal tedesco Ciolek.
Il mese scorso ha trionfato la tappa di Porto Sant'Elpidio alla Tirrreno-Adriatico mentre l'anno scorso ha vinto 3 tappe al Tour de France, imponendosi alla ribalta del ciclismo mondiale.
Parliamo di Peter Sagan, uno dei giovani ciclisti più forti in assoluto che sta imponendo la sua classe nelle “classiche” di primavera e nelle corse a tappa di mezzo Mondo.

Peter Sagan, il nuovo Eddy Merckx: le foto.

Soprannominato il “nuovo Eddy Merckx”, il 23enne slovacco in forza al Cannondale (ex Liquigas), è definito dagli addetti ai lavori come un corridore completo con qualità da passista, velocista ed in montagna.

Tutte le interviste di Excite SPORT

A 2 giorni dalla sua vittoria al "Gand-Wevelgem", Sagan ha concesso un'appassionata intervista esclusiva ad Excite, che proponiamo.

1. Ciao Peter, complimenti per la vittoria della Gand Wevelgem. Negli ultimi km, sei andato in fuga per evitare la volata? Chi temevi di più nel gruppetto dei fuggitivi?
"Purtroppo non c’era tanta collaborazione perché tanti mi curavano e aspettavano i miei movimenti. L’attacco di Vandenbergh ha spezzato l’equilibrio ed era quello che volevo, poi ho pensato di partire in contrattacco perché c’era troppa attesa. Sapevo che dietro non avrebbero collaborato e visto che nessuno mi ha seguito ho tirato dritto".

Sagan vince la "Gand-Wevelgem" 2013 ed impenna la bici sul traguardo (video)

2. Eri il grande favorito della Milano-Sanremo. Ma il brutto tempo ed un errore di valutazione (hai tirato la volata a Ciolek) hanno impedito un tuo successo.
Sei arrivato 2° dietro Ciolek. Ci racconti quel giorno?
"Era sotto gli occhi di tutti che la giornata era tremenda, ma noi ciclisti sappiamo che dobbiamo essere pronti a tutti. Le sensazioni erano molto buone ed ero tranquillo. L’avvicinamento era stato ottimo e dopo le due vittorie alla Tirreno-Adriatico anche il morale era alto. La squadra mi ha supportato per tutta la corsa in maniera splendida, poi nel finale dovevo giocarmela io. Purtroppo mi sono trovato in una situazione difficile perchè tutti guardavano me e in una corsa come la Sanremo bisogno centellinare le forze. Forse ho speso troppo per chiudere gli attacchi finali e nella volata ho pagato. Bastavano venti metri meno…"

3. Ti definiscono un corridore completo con grandi qualità da passista, velocista ed in montagna. Sei considerato uno dei migliori talenti del ciclismo mondiale. A soli 23 anni, gli addetti ai lavori ti definiscono come il nuovo Eddy Merckx. Dove vuole arrivare Peter Sagan? Quali sono i tuoi obiettivi sportivi?

"Il mio obiettivo è sempre quello di puntare al massimo, anche se poi devi confrontarti con grandi campioni e non sempre riesci a portare a casa ciò che vuoi. Voglio continuare a vincere e correre in bici perchè è la mia vita. Continuerò a pedalare finchè avrò forza nelle gambe, passione agonistica e fame di vittorie.".

4. L'anno scorso hai sorpreso tutti vincendo 3 tappe del Tour de France, la corsa a tappe più importante al Mondo ed hai fatto tua la maglia verde della classifica a punti. Correrai la "Grande Boucle" anche quest'anno? Con quali obiettivi?
"Dopo la maglia verde vinta lo scorso anno, quest’anno voglio provare a riconquistarla. E poi andrò a caccia di tappe."

Tirreno-Adriatico: Sagan vince la tappa di Porto Sant'Elpidio

5. A poche setttimane dall'inizo della stagione agonistica, sei giunto secondo alla Milano-Sanremo ed hai vinto 5 tappe: l'ultima alla Gand Wevelg due giorni fa. Quali sono le prossime "classiche di primavera" che correrai?
Quali i tuoi obiettivi dopo i lusinghieri piazzamenti al Giro delle Fiandre ed all'Amstel Gold Race dell'anno scorso?
"Ci sono tre classiche che mi intrigano: la Milano-Sanremo, il Giro delle Fiandre e la Paris-Roubaix. Tutte e tre hanno qualcosa di speciale. La ‘Sanremo’ è la più tattica, il ‘Fiandre’ la più sentita e la ‘Roubaix’ quella più dura. Per ognuna bisogna avere caratteristiche diverse, ma in carriera vorrei riuscire comunque a conquistarle tutte. Di certo parto per vincereil Giro delle Fiandre e l’Amstel Gold Race. La ‘Roubaix’ la correrò forse l’anno prossimo"

6. Ci presenti la tua squadra Cannondale (ex Liquigas)?
"Abbiamo cambiato nome e pelle ma l’anima è rimasta la stessa. Abbiamo iniziato l’avventura con Cannondale con grande entusiasmo e voglia di fare. Siamo una squadra giovane con grandi talenti pronti ad esplodere come Moser, Viviani e Caruso, e altri che stanno imparando. Poi abbiamo un capitano come Basso, l’uomo di esperienza che ci riempie di consigli, oltre che dire ancora la sua nelle corse. Infine, siamo un gruppo che rema sempre nella stessa direzione. Credo che poche squadre possano vantare un affiatamento come il nostro".

7. Qual è il tuo giudizio su Lance Armstrong?
"Il caso Armstrong appartiene al passato. Io sono professionista da tre anni e mi interessa poco guardare così indietro, preferisco guardare al futuro. Faccio parte di una squadra che fa della pulizia e dell’etica sportiva la sua bandiera. So che le mie vittorie sono 100% pulite e così quelle dei miei compagni. E credo che in generale il ciclismo sia ora uno sport pulito".

8. Correrai il Giro d'italia? No, al Giro 2013 non andrò. Tornerò al Tour de France. Lo scorso anno ha vinto tre tappe al Tour e credo si possa sempre migliorare. Questa è la filosofia mia e della mia squadra, la Cannondale Pro Cycling.

9. C'è un campione del passato al quale ti ispiri? A chi somigli (per caratteristiche)? Quando ero bambino e guardavo il ciclismo in tv, mi piaceva Jan Ullrich. Esprimeva forza e potenza quando correva, mi affascinava.

Video Peter Sagan vince la "Gand-Wevelgem" 2013 (24/03/2013)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017