Excite

Ping pong, addio al campione Lou Pagliaro

E’ morto a novant’anni a Staten Island il piu’ grande giocatore di ping pong che la storia degli Usa ricordi, un pionere del tennis da tavolo, cosi’ voleva che si chiamasse questo sport, che entro’ nella storia per la sua verve e la sua abilita’ nel non far cadere mai una pallina, Lou Pagliaro.

Piccolo e velocissimo, solo 50 kg in un corpo poco piu’ alto di un metro e mezzo, i suoi tifosi lo chiamavano "il killer dei giganti", o "Lou dinamite", e nei suoi anni, tra il ’40 ed ’50 divenne popolarissimo in America vincendo molti campionati nazionali, diventanto campione americano per la prima volta nel 1940 e riuscendo a conservare il titolo per ben 3 anni.

Un uomo senza mezze misure, ma con un stile unico: "Avrei dovuto fare il fantino, ho la coordinazione di una scimmia..." disse di se’ stesso dopo aver vinto il terzo campionato, ma anche un uomo del popolo, umile, costretto al lavoro in una fabbrica di fuochi d’artifico di Brooklyn nonostante le sue doti, perche’ lo sport non gli bastava per vivere, un lavoro’ che porto’ fino al ’52 qunado, ottenuta la pensione, torno' alle competizioni vincendo un altro titolo nazionale.

Ma guai a chiamare il suo sport ping pong, infatti dopo il 1979, entrato di diritto nella "Hall of Fame" di questo sport ha impegato tutte le sue forze per pubblicizzare questo sport che per lui fu una passione di tutta una vita: "Che razza di gioco è il ping pong - si lamentava - a me suona un po' da femminuccia...".

sport.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017