Excite

Pistorius, ripresa l'udienza. Il detective: "No a cauzione, c'è rischio di fuga in Italia"

  • twitter: account @OscarPistorius

E' ripresa stamattina l'udienza presso il tribunale di Pretoria che dovrà pronunciarsi sulla scarcerazione su cauzione di Oscar Pistorius.

Un testimone ha riferito che l'atleta paralimpico ha sentito l'atleta litigare violentemente con la sua fidanzata tra le 2 e le 3 del mattino prima dell'omicidio.
La testimonianza è in netto contrasto con l'alibi di Pistorius che afferma che sarebbe andato a dormire dopo le 22 in compagnia di Reeva.

L'omcidio di Pistorius: tutti gli aggiornamenti

Dopo il ritrovamento della mazza da cricket insanguinata e di steroidi proibiti, sono stati ritrovati anche munizioni calibro 38 nella villa dell'orrore.
Il ritrovamento complica ulteriormente la posizione dell'atleta, che potrebe vedersi recapitare un nuovo capo d'imputazione: quello di possesso illegale di munizioni.

Il detective Hilton Botha, ufficiale a capo delle indagini, ha più volte sostenuto che Pistorius non deve ottenere il rilascio su cauzione, perché c'è un rischio reale di fuga in Italia, dove ha una casa di sua proprietà.

Le foto di Oscar Pistorius in lacrime davanti ai giudici

Botha ha riferito di essere arrivato nella villa di Pistorius alle 4.15 del mattino, trovando il corpo esanime della donna crivellatata all'orecchio destro, al braccio e all'anca.

Nel frattempo, fa un certo effetto navigare sul profilo twitter di Pistorius e ritrovare una foto "postata" dal campione appena due giorni prima dell'omicidio che lo ritrae mano nella mano con un bambino disabile che si regge in piedi con due protesi.

Ad accompagnare la foto, c'è un suo messaggio che recita: "In a run up to the launch of my foundation in July I will give at least 10kids mobility!" ("In corsa verso il lancio della mia fondazione. A luglio darò la mobilità a 10 bambini)".

Video: Pistorius in tribunale a Pretoria per secondo giorno udienza

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018