Excite

RedBull X Fighters 2010, a Roma è spettacolo puro

Uno straordinario evento fatto da acrobazie da capogiro ha riempito le stadio Flaminio di Roma con 25 mila posti occupati ed un tifo impressionante per il RedBull X Fighters 2010, tappa conclusiva della manifestazione internazionale che arriva in Italia per il suo ultimo atto, d’altronde come recitano i volantini, ‘lo scontro finale non può che tenersi in una città abituata da sempre a battaglie memorabili’: e così dopo Città del Messico, Giza con le sue piramidi, Madrid, Mosca e Londra, i giochi si chiudono a Roma.

Tanto divertimento e spettacolo donato dalle evoluzioni dei 12 migliori rider di motocross freestyle del pianeta che si sono esibiti in salti dai nomi non certo incoraggianti come ‘dead body’, ‘heart attack’, ‘superman backflip’ o ‘Kiss of death’, ma cha alla fine sono senza dubbio valsi il prezzo del biglitto, inseriti in un contesto di bighe, legionari e in generale spettacolo a 360°. Comunque in Italia era la prima volta ma il riscontro è stato impressionante, chiedete all’unico italiano in gara, Max Bianconcini, che seppur non sia arrivato ai quarti, ha goduto del favore di tutto lo stadio, e di certo un tifo del genere non se lo scorderà mai più.

La tappa la vince il giovane spagnolo Dany Torres che oltre a salti da capogiro ha messo su un bello spettacolino particolarmente apprezzato da giudici e pubblico, ma il campione alla fine di tutte le tappe è Nate Adams che è stato premiato dal nostro campione del mondo casalingo, Antonio ‘Tony’ Cairoli che ha consegnato all’americano una Coppa a forma di Colosseo: un grande evento il RedBull X Fighters, e chissà che prima o pio non torni ancora a fare tappa in Italia.

Foto: redbull.com

Guarda Nate Adams al RedBull X Fighters 2010

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019