Excite

Riccò fermato in via definitiva, niente rientro

  • Foto:
  • ©LaPresse

Sembrava che Riccardo Riccò sarebbe tornato presto a correre su una bicicletta: infatti dopo che la Meridiana-Kamen gli aveva dato la possibilità di correre Giro di Serbia a partire da lunedì prossimo tutto sembrava pronto per il rientro, invece inaspettato è arrivato lo stop dall’alto, nientemeno che dalla Federazione Ciclistica che ha deciso, ‘per il suo bene’, di fermare questo tentativo di rientro.

Un medico conferma: ‘Nessun blocco renale, Riccò ha tentato un’autotrasfusione’

A preoccupare è la ricaduta di qualche mese fa quando, dopo essere stato assunto dalla Vacansoleil, con la quale voleva tornare a prendere parte ai grandi Giri (Giro d’Italia, Tour de France e Vuelta di Spagna), Riccò si sente male, facendo emergere così una serie di fatti che lo porteranno ad ammettere di essersi fatto un’autotrasfusione: da lì il dramma sportivo e la decisione arrivata in queste ore di fermarlo, in quanto recidivo e potenzialmente troppo pericoloso per sé stesso.

Il mondo del ciclismo condanna Riccò

A fermarlo ci ha pensato la Commissione Tutela della Salute della Federazione Ciclistica Italiana presieduta dal dott. Luigi Simonetto, attribuendo la decisione a ‘motivi inerenti alla tutela della salute dell’atleta stesso’: ricordiamo che quel giorno, il 6 febbraio, Riccò rischiò seriamente la propria vita dopo essere stato ricoverato in terapia intensiva.

Insomma un provvedimento da prendere anche per la sua salute, infatti correre gruppo di squadre cosiddette 'Continental' (una sorta di serie 'C') sarebbe stato un invito a tornare al doping, come ammette anche presidente Di Rocco che parte all’attacco di queste ‘zone franche’ dove i controlli stanno a zero: 'Non possiamo più andare a far fare gavetta ai giovani nelle competizioni minori, perché lì trovi una concorrenza assurda e sleale. Rischi di prenderle seriamente da squadre sconosciute, anche se metti in campo i leader della formazione, perché lì non c'è obbligo del passaporto biologico e ti trovi di fronte avversari che vanno come moto e che - ovviamente - ti fanno fare brutta figura con gli sponsor'.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017