Excite

Rilanciare il basket in Italia, è possibile?

Inutile girarci intorno, il basket italiano è in profonda crisi. Vuoi lo scarso appeal che riscontra in Italia, dove addirittura si preferisce seguire le gesta dell’Nba, vuoi la pochezza del campionato dove domina Siena da anni e non se esce, vuoi il fatto che da noi lo sport nazionale rimane il calcio, non c'è ninete da fare.

E allora ecco che nasce da Massimo Ferrarese, presidente della Provincia di Brindisi e proprietario della New Basket, matricola in Serie A una proposta per rilanciare questo sport troppo bistrattato nonostante i grandi sponsor e la liceità delle sue norme: ‘L'obiettivo? Far arrivare a tutti il messaggio di quanto sia bello il basket – comincia così l’intervista di Ferrarese al settimanale Superbasket - . Uno sport che paga una ingiusta penalizzazione sul piano della comunicazione. Siamo un qualcosa che cova sotto la cenere, ma con la forza per poter ravvivare la fiamma. Ed accadrebbe, se solo qualcuno ne parlasse’.

Una mossa pubblicitaria la mia? Direi proprio di no, visto che siamo gli unici ad aver venduto in abbonamento tutti i posti del palasport (3500) e di più non possiamo fare. Ma mi piacerebbe che da questa convention arrivasse un messaggio forte che possa far riempire tutti gli altri impianti, come accade nel nostro’. Il problema è un altro ovvero che il basket manda messaggi positivi ma la cosa non è apprezzata: ‘In tempi recenti il calcio, che monopolizza l'informazione sportiva su Rai e Mediaset, ha mostrato immagini di scontri, violenze, gare sospese, arresti – continua -. Noi abbiamo un pubblico composto da famiglie, vengono i ragazzini ed i 70enni, i nostri palasport sono sicuri, l'ambiente è positivo. Ed il nostro è un uno sport che per un'ora e mezza non ti fa neanche scambiare una battuta col tuo vicino di posto, perché sul campo accade sempre qualcosa’.

Un messaggio, un’idea, una sede, insomma un qualcosa di comune che aumenti il valore di questo sport in Italia: ‘La proposta viene da un uomo del sud, ma è rivolta all'Italia. Voglio vedere attorno allo stesso tavolo gli Armani, i Benetton, la Banca Montepaschi, Scavolini, Toti – conclude il Presidente del Brindisi - . Nel basket investono tanti imprenditori di grande successo nei rispettivi ambiti professionali, abbiamo Sabatini che è uno con delle idee. Bene, dobbiamo farle arrivare a tutti. E' arrivato il momento che il basket esca dal cono d'ombra del calcio. Domenica noi siamo a giocare a Milano, mi auguro che alla partita sia presente anche Giorgio Armani e si crei l'occasione per esporgli la mia idea’. Funzionerà? Voi che ne pensate?

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019