Excite

Rugby, 2 squadre italiane nella Celtic League

Quando le cose iniziano a cambiare ce ne si accorge da piccoli gesti o da grandi notizie inaspettate che arrivano come un fulmine a ciel sereno quando meno te l’aspetti, e allora vedendo quello che è accaduto nel mondo del rugby si respira a pieni polmoni un’aria del tutto diversa.

Finalmente due squadre italiane sono state ammesse alla Celtic League: Benetton Treviso e Aironi del Po potranno partecipare alla competizione europea più prestigiosa nel mondo del rugby e sfideranno le squadre più forti di Irlanda, Scozia e Galles. La comunicazione è arrivata nell’ufficio del Presidente Federazione Italiana di rugby Giancarlo Dondi, il quale ha commentato così: ‘sono felice, anche perché l'ingresso delle nostre squadre rappresenta un riconoscimento per tutto il movimento ed una grande possibilità di crescita per i nostri giocatori, anche in chiave azzurra. Desidero ringraziare il Board di Celtic Rugby, in particolare il Presidente John Hussey e il Direttore David Jordan per la collaborazione che ci ha dimostrato in questi mesi e, al tempo stesso, voglio rivolgere un ringraziamento al Presidente della Benetton Treviso Amerino Zatta e a Silvano Melegari, Presidente degli Aironi Rugby, per avermi affiancato durante tutto il periodo di trattativa’.

E dire che sembrava che fino a poche settimane non se ne sarebbe fatto nulla a causa delle richieste economiche che pervenivano dagli inglesi, poi però nuovi finanziamenti hanno fatto sì che il sogno si concretizzasse ed il voto unanime ha permesso che anche l’Italia potesse entrare in questa importante manifestazione. Benetton e Aironi se la vedranno con altri 10 top team di queste nazioni, ovvero le provincie inglesi di Munster, Leinster, Connacht ed Ulster, i quattro super-club gallesi degli Ospreys, Cardiff Blues, Scarlets e Dragons, gli scozzesi Edinburgh e Glasgow Warriors.

La scelta di accogliere le squadre italiane arriva alla fine di un processo di revisione sull'attuabilità di un ampliamento della competizione - questo il commento della Fir - : l'analisi dettagliata e le dovute verifiche sono state effettuate dal dipartimento sportivo di Deloitte e si sono concentrare sulla capacità a lungo termine di sostenere economicamente le squadre e di impegnarsi nella lega. L'ampliamento della competizione non comporterà l'allungarsi della stagione, dal momento che gli incontri si disputeranno anche durante le finestre internazionali del mese di novembre e del 6 Nazioni’.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018