Excite

Rugby, sabato comincia il 6 Nazioni! Ecco i convocati...

Ci siamo! Sabato comincerà il 6 Nazioni, l’appuntamento più atteso per quando riguarda il panorama rugbistico europeo e l’Italia è già radunata alla Borghesiana per preparare il primo impegnativo match di Dublino contro la fortissima nazionale irlandese che, insieme alla Francia, è una candidate più serie per il titolo 2010.

Insomma ogni anno si spera di vedere l’Italia portare a casa qualcosa in più in questa importante manifestazione, ma il gap da colmare con gli avversari sembra sempre troppo elevato, per questo Nick Mallet ed il suo staff stanno lavorando molto sulla fase atletica e su quella tattica, in modo da sfruttare al meglio le poche possibilità che concederanno gli irlandesi.

Guarda le immagini degli All Blacks contro l’Italia e l’Haka ballata a San Siro

Carlo Orlandi, l’allenatore degli avanti è certo che quest’anno le cose siano almeno in parte cambiate, grazie anche ai progressi visti a San Siro: ‘Lavoriamo da anni sulla nostra velocità. In particolare deve migliorare il nostro gioco alla mano. Ma con l’Irlanda non potremo correre rischi. Quindi punteremo a guadagnare spazi con i calci e giocheremo di più alla mano nella loro metà campo. Non possiamo rischiare errori nei nostri 30 metri. Ci conforta lo stato di salute della squadra. A novembre abbiamo tenuto testa a Nuova Zelanda e Sudafrica come mai era successo prima. Siamo consapevoli di essere alla pari con gli altri, dobbiamo mantenere questa consapevolezza sul campo, quando si tratterà di mettere in pratica con fiducia quanto provato in questi giorni. Lavoriamo per migliorare i collegamenti fra i reparti. Chi temere dell’Irlanda? Ovviamente Brian O’Driscoll e O’Connell, ma se devo fare un nome, il terza linea Wallace va tenuto d’occhio, molto mobile e presente. Un punto di riferimento da annullare’.

Anche Alessandro Troncon, allenatore dei trequarti ripensando alla sfida nel ’97 proprio contro l’Irlanda entra in spirito partita: ‘Primo: va mantenuta la fase difensiva. Subire meno punti possibili, magari zero, è un obiettivo primario. Poi è ovvio che c’è da migliorare in fase d’attacco. In particolare bisogna velocizzare il gioco alla mano, per l’uscita della palla dalle maul, e in seconda e terza fase. Servono palloni di qualità. Io devo essere fiducioso, se guardo ai match di novembre con All Blacks e Springboks: mai subito un passivo così basso contro di loro. Vuol dire che stiamo crescendo anche mentalmente. Ci divertiremo’.

Intanto dalla Francia non arrivano buone notizie per Sebastien Chabal, l’asso della nazionale d’oltralpe che pare essersi infortunato: non si conosce l’entità dell’infortunio, ma non ci sarà nel match di apertura contro la Scozia, al suo posto il seconda linea Yoann Maestri.

Lista dei convocati: Matias Aguero (Saracens, 13 caps), Mauro Bergamasco (Stade Francais, 79 caps), Mirco Bergamasco (Stade Francais, 66 caps), Riccardo Bocchino (Femi-CZ Rovigo, esordiente), Marco Bortolami (Gloucester RFC, 77 caps), Gonzalo Canale (Clermont-Auvergne, 51 caps), Martin Castrogiovanni (Leicester Tigers, 62 caps), Lorenzo Cittadini (Benetton Treviso, 1 cap), Carlo Antonio Del Fava (MPS Viadana, 41 caps), Paul Derbyshire (Petrarca Padova, 1 cap), Gonzalo Garcia (Benetton Treviso, 13 caps), Quintin Geldenhuys (MPS Viadana, 6 caps), Leonardo Ghiraldini (Benetton Treviso, 24 caps) - capitano, Craig Gower (Bayonne, 6 caps), Andrea Masi (Racing Metro Paris, 46 caps), Luke McLean (Benetton Treviso, 14 caps), Fabio Ongaro (Saracens, 64 caps), Salvatore Perugini (Bayonne, 66 caps), Simon Picone (Benetton Treviso, 20 caps), Kaine Paul Robertson (MPS Viadana, 41 caps), Alberto Sgarbi (Benetton Treviso, 5 caps), Josh Sole (MPS Viadana, 41 caps), Tito Tebaldi (Plusvalore Gran Parma, 6 caps), Alessandro Zanni (Benetton Treviso, 37 caps).

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017