Excite

Sassari è Campione d'Italia, Reggio Emilia battuta 75-73 in Gara 7

  • Facebook ufficiale Sassari

Quella che si è conclusa ieri sera a Reggio Emilia è sicuramente l’edizione più sorprendente e spettacolare del campionato di basket italiano da trent’anni a questa parte. La finale tra Sassari e Reggio Emilia, e le due serie di semifinale con Milano e Venezia, sono un gigantesco spot sulla bellezza di questo sport. Sassari si è laureata per la prima volta nella sua storia campione d’Italia vincendo gara 7 col punteggio di 75-73.

E’ stato lo scontro di due filosofie di gioco e di impostazione di squadra molto differenti. Gli isolani sono quasi tutti americani, mestieranti del parquet, con uno stile di gioco dinamico, veloce anche folle alle volte. Gli emiliani hanno impostato un programma sui giovani italiani a cui hanno aggregato campioni esperti e di qualità. Sassari e Reggio Emilia sono la dimostrazione che si può vincere anche senza investire milioni di euro come ha fatto Milano.

Leggi la storia di Steve Nash

I sardi hanno cambiato marcia nei play off, sono giunti quinti al termine della stagione regolare, ed hanno dimostrato di non essere solo una splendida squadra da partita singola. Alla Supercoppa ed alla Coppa Italia hanno aggiunto la gemma più bella per completare un triplete che ha due soli precedenti: Siena e Treviso. Due squadre con un budget stellare, costruite per dominare in Italia ed in Europa.

Guarda l'intervista finale a Meo Sacchetti

Intendiamoci Sassari non è la cenerentola del torneo. E’ una signora squadra che ha vinto tre serie di play off, due alla settima partita, senza mai avere il fattore campo. Lawal, Dyson e Logan farebbero la loro figura anche nei roster delle big europee. Alle spalle di tutto c’è Meo Sacchetti che ha costruito una ciurma di pirati sempre pronta all’arrembaggio. Una squadra che non si è mai demoralizzata anche sotto di 21-4 nella gara decisiva fuori casa.

Leggi della vittoria numero 1000 di Mike Krzyzewski

Molti puristi contestano il gioco di Sassari o per meglio dire lo contestavano. Se si guarda, però, al di là dell’Oceano si possono trovare diverse similitudini tra i Golden State Warriors campioni NBA e la Dinamo Sassari. Condivisione della palla, extra pass, grande pericolosità dalla lunga distanza e gioco in velocità. Soprattutto una infinita fiducia nei propri mezzi che ha condotto una città e un’isola intera alla terra promessa.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018