Excite

Sbk, a Phillip Island vincono Laverthy e Guintoli: trionfo Aprilia. Checa cade

  • Getty Images

L'Aprilia domina il primo Gran Premio di Superbike, disputatosi a Phillip Island, in Australia. Eugene Laverty ha vinto in gara 1, mentre è stato Sylvain Guintoli a conquistare il gradino più alto del podio in gara 2.

Ora Laverty e Guintoli guidano appaiati la classifica a quota 45 punti, mentre nella classifica marche è naturalmente Aprilia a guidare con 50 punti. La casa di Noale ha dato una lezione agli avversari: en plein in gara 1 e podio dominato con tre piloti, e doppietta in Gara 2 (quattro RSV4 nelle prime sei posizioni).

In gara 1 è Stato Guintoli (Sylvain era al debutto con la moto italiano) a trionfare, coronando una clamorosa rimonta. Il francese ha preceduto il compagno di squadra Laverty, bravo a difender eil secondo posto dagli attacchi dell'italiano Michel Fabrizio, alla guida di una Aprilia RSV4 del Team Red Devils Roma.

In gara 2 Guintoli e Laverty hanno subito messo in chiaro le cose, inseguiti solo da Marco Melandri e dalle due Aprilia RSV4 private di Fabrizio e Davide Giugliano (Team Althea Racing). Laverty è arrivato primo al traguardo (seconda vittoria con l'Aprilia), preceduto da Guintoli.

CHECA - Attimi paura per Carlos Checa, lo spagnolo che con la sua Ducati aveva ottenuto una formidabile pole position. Nel corso del 12° giro della prima gara l'iberico è caduto dopo aver impattato contro Marco Melandri, rovinando nella sabbia. Checa è stato trasportato in un ospedale di Melbourne, dove gli è stata riscontrata una commozione cerebrale che ha richiesto il ricovero e una notte di degenza.

Proprio un anno fa e proprio a Phillip Island Carlos Checa aveva rimediato un'altra caduta, che però non aveva destato preoccupazioni, come invece capitato quest'oggi. Marco Melandri ha denunciato la carenza dei soccorsi.

GARA 1, LA CLASSIFICA - 1. Sylvain Guintoli (Aprilia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 33′47.109; 2. Eugene Laverty (Aprilia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 33′48.461; 3. Michel Fabrizio (Red Devils Roma) Aprilia RSV4 Factory 33′48.468; 4. Chaz Davies (BMW Motorrad GoldBet SBK) BMW S1000 RR 33′52.811; 5. Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 33′52.862; 6. Loris Baz (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 33′53.878; 7. Leon Haslam (Pata Honda World Superbike) Honda CBR1000RR 33′53.939; 8. Jonathan Rea (Pata Honda World Superbike) Honda CBR1000RR 34′05.053; 9. Leon Camier (Fixi Crescent Suzuki) Suzuki GSX-R1000 34′06.261; 10. Max Neukirchner (MR-Racing) Ducati Panigale 1199 34′13.666; 11. Jules Cluzel (Fixi Crescent Suzuki) Suzuki GSX-R1000 34′17.414; 12. Ivan Clementi (HTM Racing) BMW S1000 RR 34′17.520; 13. Alexander Lundh (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 34′32.294; 14. Glen Allerton (Next Gen Motorsports) BMW S1000 RR 34′35.741; 15. Jamie Stauffer (Team Honda Racing) Honda CBR1000RR 34′40.562; 16. Federico Sandi (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 35′09.839; 17. Vittorio Iannuzzo (Grillini Dentalmatic SBK) BMW S1000 RR 35′20.483; RT. Carlos Checa (Team Ducati Alstare) Ducati Panigale 1199 18′28.459; RT. Marco Melandri (BMW Motorrad GoldBet SBK) BMW S1000 RR 18′28.468; RT. Davide Giugliano (Althea Racing) Aprilia RSV4 Factory 3′10.979

GARA 2, LA CLASSIFICA- 1. Eugene Laverty (Aprilia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 33′45.938; 2. Sylvain Guintoli (Aprilia Racing Team) Aprilia RSV4 Factory 33′46.356; 3. Marco Melandri (BMW Motorrad GoldBet SBK) BMW S1000 RR 33′47.320; 4. Michel Fabrizio (Red Devils Roma) Aprilia RSV4 Factory 33′48.220; 5. Tom Sykes (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R 33′57.483; 6. Davide Giugliano (Althea Racing) Aprilia RSV4 Factory 33′58.446; 7. Jules Cluzel (Fixi Crescent Suzuki) Suzuki GSX-R1000 34′03.268; 8. Jonathan Rea (Pata Honda World Superbike) Honda CBR1000RR 34′03.277; 9. Leon Camier (Fixi Crescent Suzuki) Suzuki GSX-R1000 34′05.824; 10. Leon Haslam (Pata Honda World Superbike) Honda CBR1000RR 34′05.934; 11. Max Neukirchner (MR-Racing) Ducati Panigale 1199 34′13.567; 12. Glen Allerton (Next Gen Motorsports) BMW S1000 RR 34′28.747; 13. Jamie Stauffer (Team Honda Racing) Honda CBR1000RR 34′28.831; 14. Federico Sandi (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 34′30.837; 15. Alexander Lundh (Team Pedercini) Kawasaki ZX-10R 34′43.762; 16. Vittorio Iannuzzo (Grillini Dentalmatic SBK) BMW S1000 RR 35′08.512; 17.Chaz Davies (BMW Motorrad GoldBet SBK) BMW S1000 RR 34′08.663; RT. Ivan Clementi (HTM Racing) BMW S1000 RR 17′14.862; RT. Loris Baz (Kawasaki Racing Team) Kawasaki ZX-10R

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018