Excite

Stoner apprezzamenti e critiche su Valentino Rossi: 'Bravo, ma si è rovinato da solo'

  • Getty Images
Casey Stoner torna a parlare del mondiale di MotoGp, quello del 2015, riaccendendo i riflettori sulle polemiche tra Valentino Rossi e i rivali spagnoli, Marc Marquez e Jorge Lorenzo in testa. Il pilota australiano, rientrato in pista come collaudatore della Ducati, ha rilasciato un'intervista al sito MCM, esprimendo a ruota libera le proprie opinioni. Che sicuramente lasceranno traccia, perché non sono pronunciate da 'uno qualunque'.

Così Stoner è tornato in pista con la Ducati

"Valentino Rossi ha fatto una stagione fantastica. Nessuno si sarebbe aspettato di vederlo guidare a quel livello sin dalla prima gara, ma non c’è dubbio che Jorge abbia meritato il titolo. Ha corso meglio e vinto più gare", ha affermato Casey Stoner. Insomma, per il Dottore sono arrivati grandi elogi. Ma non solo. Sul conto di Valentino Rossi sono stati messi degli ertoti in riferimento alla tenuta mentale: "C’è solo un dato che conta. Solo due volte Rossi è stato spinto a giocarsi un titolo all’ultima gara e due volte lo ha perso a Valencia, nel 2006 e quest’anno. Di solito lui ha vinto i titoli con molti punti di vantaggio o una gara di anticipo, ma quest'anno l'inerzia nel finale era tutta per Jorge".

Per quanto riguarda la reazione mediatica di Valentino Rossi, ossia quando ha espressamente accusato Marquez di favorire Lorenzo, Casey Stoner ha detto chiaramente che "Valentino si è rovinato il mondiale da solo". Secondo l'australiano neo-ducatista, il titolo MotoGp del 2015 ha preso una precisa direzione a Sepang, in Malesia. "Capisco che a Sepang fosse frustrato, ma lì ha perso la freddezza. Mi sarei aspettato una mente più saggia sulle sue spalle esperte". Insomma, a distanza di qualche mese l'ultimo mondiale fa ancora parlare. Un avviso ai naviganti: la stagione 2016 ripartirà ancora con tanta tensione nel paddock. E chi credeva in un raffreddamento dei... motori è costretto a ricredersi.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017