Excite

Tennis, ad Auckland accade di tutto: razzismo e “bomba”

E’ successo un po’ di tutto ad Auckland, Nuova Zelanda, dove la stagione del tennis è ripresa con l'"Asb Classic". Se da una parte infatti va alla grande la Schiavone che batte la Cohen-Aloro accedendo alla fase successiva, dall’altra alcuni episodi hanno rovinato lo spettacolo di questa manifestazione.

L’evento di certo più fastidioso è stato, come accaduto anche in passato, l’attacco di un gruppo anti israelita nei confronti appunto dell’atleta israeliana Shahar Peer, bersagliata dai cori razzisti dei contestatori, muniti tra l’altro di bandiere palestinesi, hanno reso molto amaro il suo successo contro slovacca Hercog.

La Peer si è poi presentata in conferenza stampa molto dispiaciuta per l’accaduto: "Come vedete sono di nuovo qui perché questo torneo mi piace molto. E' una vergogna che ci sia qualcuno che ancora mi ritiene responsabile dei problemi del mondo. La cosa più importante per me rimane la vittoria, nonostante i cori non certo piacevoli". Già l’anno scorso infatti le capitò la stessa cosa in un match, sempre in questo torneo contro la russa Elena Dementieva e lei commentò dicendo che: "io non sono il governo d'Israele, e non lo rappresento in alcun modo a livello politico” e che si sentiva "umiliata ed offesa, perché non dovrebbero esserci discriminazioni nel tennis professionistico ed in ogni altro sport". Secca la reazione anche quest’anno: "per il secondo anno consecutivo c'è stata una contestazione nei miei confronti, mi hanno gridato 'vattene' solo perché sono israeliana. E' una vergogna!!!".

E se questo non fosse bastato ci sono stati anche alcuni attimi di panico intorno alle 10.40 quando i 500 spettatori già seduti sulle tribuna sono stati fatti uscire a causa di una borsa abbandonata che qualcuno ha temuto potesse essere una bomba, allarma per fortuna infondato: "Siamo riusciti a rintracciare il proprietario della borsa - ha spiegato l'ispettore di polizia Kerry Watson - ma non c'era niente di sospetto. Comunque è meglio peccare per eccesso di prudenza che al contrario. In ogni caso abbiamo reagito con prontezza".

 (foto © LaPresse)

sport.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017