Excite

Tourmalet, Schleck vince ma Contador è attaccato

Una lunghissima salita ed un duello tra i due protagonisti di questo Tour, Andy Schleck e Alberto Contador, che salgono appaiati fino alla vetta del Col du Tourmalet: questo è stato l’ultimo emozionante atto di una giornata al Tour fatto di salita e fatica, ma anche di due uomini che lottano per un arrivo che sembra nascosto nel cielo.

A fare la gara naturalmente è Schleck, con quegli 8’’ miseri secondi da recuperare, ma che sembrano un’eternità se dietro hai un Contador che si attacca alla tua ruota e non la lascia più, non ti fa scattare, non lascia margine, ed è proprio quello che accade fino al traguardo dove, consapevole che ormai quella maglia è saldamente nelle sue mani si ritira dalla volata concedendo all’avversario almeno il successo di tappa.

Contador sente l’esigenza di rifarsi dal gestaccio dell’altro giorno che gli è valsa la maglia gialla e così tra una salita e l’altra (vedi Col de Marie Blanque ed il Col du Soulor) trova il modo di rallentare il gruppo quando Samuel Sanchez cade, mentre Carlos Sastre si lancia alla ricerca di Flecha, Boasson Hagen, Kolobnev, Burghardt, Koren, Pauriol e Perez Moreno, tutta gente ripresa poco più in là.

L’arrivo però, e almeno questa soddisfazione c’è stata, è uno spettacolo a due di cui l’esito già lo conoscete, e anche se ci sono ancora 8’’ forse non è ancora detta l’ultima parola, manca ancora una crono e questa corsa ci ha insegnato che le somme si tirano a Parigi. All’arrivo c’è anche il presidente francese Sarkozy che più di tutti ha voluto elogiare Lance Armstrong, un vecchio leone ormai stanco: ‘Abbiamo bisogno di personaggi come lui’.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019