Excite

Valentina Vezzali sarà la portabandiera italiana alle Olimpiadi

  • infophoto

Sarà la pluri-medagliata campionessa di scherma (fioretto) Valentina Vezzali la portabandiera della rappresentativa italiana alle prossime Olimpiadi di Londra, in programma dal 27 luglio al 12 agosto 2012.

Stamattina a Roma, nel Salone d’Onore del Comitato olimpico nazionale, la Vezzali ha accolto il ruolo di portabandiera dell’Italia, esprimendo tutto il suo entusiasmo: "Sono emozionata, rappresento un Paese che eccelle in tanti settori in un momento delicato. Lo sport può aiutarci a sognare. Impegno, rigore e serietà i miei valori.
Voglio ringraziare il presidente del Coni e la Giunta tutta. Se oggi sono qui devo dire grazie ai miei genitori e al mio maestro di scherma perché fin da piccola mi hanno insegnato valori importanti quali l’impegno, il rigore, la serietà e il rispetto delle regole nella scuola, nello sport e nella vita
".
"Faccio parte del corpo della Polizia e quando con la mia scherma sono sotto i riflettori del mondo, sono orgogliosa di far vedere quello di cui siamo capaci noi italiani. So di rappresentare un Paese che eccelle in tanti settori, un Paese di uomini e donne che non si arrendono mai e tengono sempre alto l'onore della bandiera.".

La fiorettista azzurra ha vinto ben 3 medaglie d'oro individuali in 3 Olimpiadi diverse: "Sidney 2000", "Atene 2004" e "Pechino 2008". Ha vinto inoltre altre 2 medaglie d'oro "a squadre" alle Olimpiadi, 6 campionati mondiali individuali, 7 ori mondiali a squadre, e tanti altri trofei, per una carriera unica nella storia della scherma mondiale.

E nel ricordare i suoi successi, la Vezzali aggiunge: "Ecco perché ricevere il prossimo 22 giugno la bandiera tricolore dal presidente della Repubblica sarà un onore: ho avuto esperienze importanti, ma questa è ancora più importante”, chiudendo con un riferimetno all'Italia: "Quello che mi è stato dato è un ruolo di grande importanza", onorata di poter "rappresentare il nostro paese in un momento così difficile: la crisi economica è forte, i giovani non vedono il futuro, gli anziani hanno paura di perdere i diritti acquisiti in una vita di lavoro. Lo sport puo’ dar modo agli italiani di sognare e avere qualcosa in cui credere".

Per il presidente del Coni Gianni Petrucci, non ci sono dubbi sulla decisione della Vezzali: "Quello della Vezzali è un nome su cui non c'è alcun dubbio. Ha vinto tutto quello che c'è da vincere, lei ha sempre dimostrato puntualità e serietà: una campionessa non solo sui campi di gara, a lei sarà dato l'onore di rappresentare il Paese come atleta e come cittadina. Vincere una medaglia è straordinario, portare la bandiera lo è altrettanto. La Vezzali non è solo una grande campionessa dello sport, ma anche un esempio per i giovani: sarà un alfiere degno per l'Italia".

Intanto, affiora una prima polemica, perchè anche la Vezzali gareggerà il giorno dopo la cerimonia, proprio come Federica Pellegrini, che invece aveva dichiarato di non poter portare la bandiera alla cerimonia d'apertura perché le troppe ore in piedi ed il peso dell'asta avrebebro conmmpromesso la gara del giorno dopo.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018