Excite

Valentino Rossi e Casey Stoner attaccano la Ducati

  • Facebook

Quando mancano solo poche settimane all'inizio della nuova stagione, la Ducati si trova a fronteggiare il fuoco incrociato di due suoi ex piloti. Valentino Rossi da un lato, Casey Stoner dall'altra, centauri tra i quali non scorre buon sangue, si trovano d'accordo almeno su un punto: "a Borgo Panigale", dicono "si seguono strategie sbagliate", opinioni che partono, però, da considerazioni differenti.

VALENTINO ROSSI - Il dottore (volato in Brasile dove ha partecipato ad un evento sul circuito Velo Città) ha rilasciato una intervista che sarà pubblicata domani dal magazine MotorCycleNews. Si tratta di un duro atto d'accusa nei confronti della scuderia italiana, rea di non ascoltare i consigli dei piloti.

"Alla Yamaha o alla Honda è considerato un fatto positivo rivolgere delle critiche alla moto" racconta Valentino "Gli ingegneri in questo modo traggono maggiori informazioni e possono operare per migliorare le prestazioni".

"Alla Ducati è diverso. A Borgo Panigale sembra vietato muovere qualsiasi tipo di critica. Quando parli di problemi la prima cosa che fanno è non crederti mai in maniera totale, quindi si arrabbiano perché gli dici che la moto non va".

STONER - Come se non bastassero le parole di fuoco espresse da Valentino, ecco quelle al veleno di Casey Stoner, rilasciate in un'intervista alla Gazzetta dello Sport.

"Se ai miei tempi avessero speso il budget degli ultimi anni avremmo vinto ancora di più. La questione non era certo la moto. Il fatto è che hanno pensato 'beh, se Stoner ha fatto bene, con Valentino Rossi andrà ancora meglio'. Questa per me è un modo sbagliato di affrontare i problemi, non hanno avuto passione ed i risultati li hanno puniti".

DUCATI - La casa di Borgo Panigale si può consolare, se non altro, dando uno sguardo ai test pre-season, considerati positivi dai piloti ufficiali, Nicky Hayden e Andrea Dovizioso, che due settimane fa a Sepang hanno ottenuto rispettivamente un 2'02''070 ed un 2’01''650, a 1"088 dal leader Dani Pedrosa.

NICKY HAYDEN - Proprio il pilota statunitense ha espresso molta fiducia nella Ducatiassicurando che "quest'anno la musica sarà diversa, perché c'è un lavoro di maggiore coordinazione con il team satellite, sarà come avere a disposizione quattro moto e questo ci aiuterà molto".

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018