Excite

Valentino Rossi ne ha per tutti, e la Ducati? 'Italiana come me!’

Viva Valentino Rossi! Se ne dica quel che si vuole ma quando parla lui tutti in silenzio ad ascoltare, perché di sicuro ha qualcosa di intelligente, ma sempre divertente, da dire. E allora ecco che nella sua ultima intervista rilasciata a GQ il Dottore svela tanti misteri che in quest’anno l’hanno accompagnato, dall’incidente, la verità che stanno dietro alle parole dei suoi colleghi, di come dovrebbe essere la sua Moto Gp ideale e del passaggio alla Ducati.

Rossi e Stoner? Quando sei ferito e cominci a perdere sangue, i più giovani si sentono immediatamente più forti e pensano di poterti sbranare: è come nella giungla - comincia Valentino -. Però mi piace. E' giusto così. All'inizio, Lorenzo, come Stoner, diceva: 'Ah, Valentino era il mio eroe, quando ero piccolo', ma non è vero. Sono tutte palle. Io sono solo un ostacolo, un bersaglio. Come Biaggi lo era per me. Quando due persone lottano per lo stesso obiettivo, è normale che si odino a vicenda. Chi lo nega, mente. Non dico un odio omicida, ma violento sì. Perciò mi fa piacere che Stoner e Lorenzo dicano veramente quello che pensano di me. Perché è la verità. (Tutto questo quando Lorenzo in tv gli aveva augurato di guarire presto…’Che falso...’ chiude Vale.

Ma solo per un attimo perché quando riapre la bocca è un altro show, questa volta su come dovrebbe essere la Moto Gp secondo lui: ‘Innanzitutto il numero giusto di concorrenti sarebbe 24 o 26. Al momento io terrei i quattro tempi, perché se è vero che a tutti piacciono le 500 due tempi, il mondo ormai viaggia con il quattro tempi, purtroppo. Io credo che la cilindrata giusta sia 1000 cc, non 800 cc; con un limite di 16.000-17.000 giri al minuto, e non di 19.000 come adesso, in modo che le moto non possano arrivare a 360 km/h. Secondo me, 320 km/h possono bastare’. ‘Bisognerebbe poi togliere molta elettronica e molti accorgimenti di aiuto alla guida - continua il Doc -. Si potrebbe tenere un po' di controllo sulla trazione, un piccolo aiuto, perché le moto sarebbero potentissime, ma io vorrei un quarto dell'elettronica che usiamo adesso. Sai, ora noi possiamo impostare la potenza, il gas e il controllo di trazione a ogni curva, per ogni marcia. La moto sa esattamente dove si trova, sulla pista, e quindi sfruttando l'elettronica puoi adattarla in modo che percorra ogni curva alla perfezione. Il controllo di trazione lo terrei, ma dovrebbe essere fisso, non adattabile a ogni tipo di curva. E niente controllo anti-impennata, niente controllo in frenata: così vedremmo bellissime impennate, grandi derapate in zona di frenata e gare più combattute. Per me, il campionato migliore sarebbe questo. E per gli pneumatici? Massima apertura. La concorrenza tra i diversi produttori è positiva. Jorge Lorenzo più forte, psicologicamente, di Biaggi e Gibernau? Il fatto è che i miei rivali di adesso, soprattutto Lorenzo, Pedrosa e Stoner, sono di una nuova generazione e sono più veloci di Sete e Max. Non ho dubbi su questo. Fra i tre, Lorenzo mi pare il più equilibrato’.

Ed infine la ciliegina sulla torta, perché in Ducati?: ‘La Ducati è italiana, come me. Se volessi inseguire il record di Agostini, resterei con la Yamaha, perché sarebbe più facile. Di certo, il movente non è il denaro, perché alla Ducati mi daranno esattamente quello che avrei preso alla Yamaha. Non ho mai scelto la moto con cui correre sulla base dei soldi. La Yamaha mi aveva fatto un'offerta. Io sono andato alla Ducati e ho detto: 'Vi va bene questa cifra?'. Loro hanno risposto di sì, e la questione si è risolta. E' stato facile. E' più la voglia di provare sensazioni nuove, a spingermi’.

 (foto © LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019