Excite

Valentino si gode le ferie in costume “rosso”

Un mese di pausa dalla Moto Gp, mese che Valentino, dopo le due ultime prove in una settimana e mezza, con caduta e vittoria, con somarata e somaro sul casco, con litigata mediatica con Lorenzo e poi abbraccio sotto il podio, spenderà nel relax più totale.

“Me ne starò a casa in queste tre settimane, al mare con gli amici". E bravo Vale si, riposati e torna più forte di prima, perché la Moto Gp ha bisogno del suo campione in cima al mondo, e ne ha bisogno anche l’Italia, per ricordarsi che anche quando tutto va male fortuna che c’è Rossi a regalarti un sorriso. E chissà come sarebbe stato poi quel sorriso se fosse stato tinto anche di rosso… non Ducati però, per quello c’è tempo, ma quel rosso Ferrari sul quale tutti lo avrebbero visto tanto bene.

Ma passato un po’ di tempo sulle vicende pre-Schumi e pre-Badoer, quelle che riguardavano appunto il campione di Tavullia, è proprio Valentino a spiegarci perché non accettò l’incarico di guidare una Formula 1: "C'era la possibilità di fare i test, non me la sono sentita di lasciare le moto, non ero pronto. Tutto è nato perchè sono andato forte quando l'ho provata". Da Maranello gli chiesero anche: "Cosa fai in moto, vieni in Formula 1!", ma il resto è storia già nota.

Adesso c’è tanta stima e attenzione nei confronti della Ducati, anche qui non se ne parla troppo ad alta voce perché la cosa in casa Yamaha potrebbe anche dar fastidio, ma a conti fatti non è neanche un’ipotesi troppo remota, specie considerando il contratto fatto a Lorenzo di un anno che il Dottore proprio non ha gradito.

Ma in ogni caso ora c’è un mese per sbollire e ricaricare le pile prima di ascoltare ancora il “rumore dei nemici”, per dirla alla Mourinho: magari Valentino approfitterà anche del periodo per rifarsi il guardaroba, giusto per vedere se trova qualcosa di “rosso” da mettersi addosso.

sport.excite.it fa parte del Canale Blogo Sport - Excite Network Copyright ©1995 - 2017