Excite

Vigor Bovolenta morte, assolti i medici accusati: fu solo tragica fatalità

  • Getty Images
Vigor Bovolenta è morto per una tragica fatalità. Il giudice di Forlì ha infatti stabilito l'innocenza dei medici, Matteo Scarpa e Maurizio Mambelli, che avevano rilasciato l'idoneità sportiva al giocatore di Pallavolo, stroncato da un malore a 37 anni durante una partita. L'assoluzione è arrivata con formula piena perché "il fatto non sussiste".

Nel pronunciamento il giudice ha ribadito "la correttezza dell’operato dei sanitari nell’effettuazione della visita per il rilascio dell’idoneità agonistica". Quindi la trombosi che ha ucciso Vigor Bovolenta non era assolutamente prevedibile. Il pm, Filippo Santangelo, aveva già avanzato la richiesta di assoluzione "per insufficienza di prove". Ma la sentenza finale è stata ancora più netta, riabilitando totalmente i medici finiti sotto accusa.

Il commovente video del Bovo Day, per ricordare Vigor Bovolenta, con il figlioletto Alessandro che fa il primo ace

Vigor Bovolenta è morto a 37 anni. Era il 24 marzo 2012, quando stava giocando a Macerata la gara di serie B del campionato di Volley. L'ex nazionale era il punto di forza della Softer Forlì. La sua scomparsa fu scioccante: era ricordato come un campione in grado di conquistare una medaglia d'argento all'Olimpiade di Atlanta '96 e l'oro nella Coppa del Mondo '95.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018