Excite

Yelena Isinbayeva travolta dalle polemiche: "Sono contro discriminazioni gay"

  • Wikimedia Commons

Yelena Isinbayeva ci ripensa: dopo le polemiche suscitate dalle sue dichiarazioni a difesa della legge russa contro la propaganda gay, la fresca vincitrice della medaglia d'oro nel salto con l'asta ai Mondiali di atletica di Mosca ha detto di essere stata fraintesa.

«Lasciatemi dire nel modo più forte che sono contro qualsiasi discriminazione verso gli omosessuali che si basi sulla loro sessualità (cosa contraria alla Carta olimpica)», si legge nel comunicato dell'atleta, che sostiene di essere stata «mal compresa» nella conferenza stampa in inglese. «L'inglese non è la mia prima lingua e credo di poter essere stata capita male quando mi sono espressa ieri», ha spiegato. «Ciò che volevo dire è che la gente deve rispettare le leggi degli altri Paesi, in particolare quando è invitata», ha proseguito, aggiungendo di «rispettare le vedute di tutti i miei colleghi atleti».

Parole che stridono con quanto aveva affermato in precedenza a proposito della legge che vieta diffusione, promozione e pubblicità dell'omosessualità. «Io sono a favore delle regole sui gay. Forse siamo un popolo diverso da quello di altri paesi ma abbiamo le nostre leggi e vogliamo che gli altri le rispettino, perché noi all'estero lo facciamo», aveva detto. Le sue parole - pronunciate dopo aver vinto la medaglia d'oro nel salto con l'asta, hanno scatenato le proteste di numerosi atleti e una richiesta di chiarimenti da parte del Cio, il comitato olimpico internazionale.

Non sono mancati, ovviamente, gli atleti che hanno preso apertamente posizione contro la legge discriminatoria nei confronti degli omosessuali: l'ottocentista statunitense Nick Symmonds ha dedicato il proprio argento a tutti gli amici gay; la Green-Tregaro, aveva gareggiato nelle semifinali di salto in alto con le unghie arcobaleno, simbolo della comunità LGBT, seguita dalla sprinter Moa Hjelmer, mentre la campionessa britannica di eptathlon, Louise Hazel, ha criticato le affermazioni della Isinbayeva e ha sostenuto che la commissione olimpica internazionale dovrebbe rivedere il proprio ruolo di ambasciatrice delle Olimpiadi della gioventù.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018